27 Ottobre 2021

7.3. GLI ANNI '80

«Ciò detto, agli albori degli anni ‘80 questa seconda economia era diventata abbastanza invasiva e prospera. In parte a causa dell’imperizia pianificatrice dei sovietici, in parte per colpa del corso chruščeviano “di destra”, in parte a causa della necessità di concentrare tutta l’attenzione sull’industria pesante (che al contrario era per quantità e qualità uguale se non superiore a quella capitalista, il che dimostra che in sé la proprietà sociale e la logica di piano integrale producono risultati sbalorditivi, se la pianificazione è eseguita con attenzione e sulla base di informazioni corrette), questa seconda economia da un lato amplificava alcuni problemi come le penurie di certi prodotti, dall’altro ne traeva profitto grazie al mercato nero. La dirigenza del PCUS si rese conto di questa serie di problemi verso gli ultimi anni della Presidenza Brežnev, e dopo la sua morte il nuovo Segretario generale Yuri Andropov iniziò a mettere in pratica le misure necessarie per sradicare queste tendenze nocive per il socialismo. Le priorità identificate all’epoca erano chiare e inequivocabili: combattere il lassismo e assenteismo del ceto impiegatizio urbano, combattere la corruzione (vittima delle retate anticorruzione del KGB in epoca Andropov vi fu lo stesso nipote di Brežnev), modernizzazione dell’economia prendendo in conto meccanismi controllati e ragioni di mercato se necessario per migliorare i settori dell’industria leggera e di consumo, rafforzamento e perfezionamento della pianificazione statale.
Ebbene, questa impresa riformatrice, scomparso prematuramente Andropov, dopo l’inutile parentesi Černenko, passò in mano a Gorbačev. Egli sin dall’inizio suscitò un’ondata di entusiasmo tra i sovietici che attendevano un processo riformista nel loro paese, e Gorbačev inizialmente non tradì le aspettative della popolazione ripercorrendo e volendo approfondire, almeno in teoria, il lascito dell’opera di Andropov, cercando di mettere in pratica tale linea, diremmo, modernizzatrice. Tuttavia quel che accadde fu che il processo fu rapidamente preso in mano ed egemonizzato dai rappresentanti di questa seconda economia capitalista abituatisi ad arricchirsi nell’ombra sui malfunzionamento del socialismo, rappresentanti che spesso occupavano posti importanti all’interno del partito e dello Stato, invaghiti dai lussi altolocati del modello occidentale (che frequentavano tramite ambasciate e circoli politico-culturali), e che videro nell’emergenza di una corrente riformista un’opportunità storica per la realizzazione di interessi comuni a uno strato sociale minoritario ma in ascesa, fino a quel momento parzialmente frustrati: quella di smantellare l’economia pianificata che impediva il conseguimento dell’arricchimento privato, che avevano pregustato nelle loro attività semi-legali. Il processo riformatore che si imponeva oggettivamente fu sequestrato dai liberisti in seno al PCUS (come poi il PCUS possa aver tollerato al suo interno tale degenerazione è argomento che rimandiamo a ulteriori analisi), come occasione di prendere il potere. In questo senso si può dire che certi quadri del partito, influenzarono le scelte della dirigenza Gorbačev, effettuando una controrivoluzione dall’alto, tanto più facile quanto l’applicazione dell’era Gorbačev di meccanismi riformisti di mercato si fece in maniera caotica e al di fuori di ogni pianificazione razionale».80
80. Ibidem.

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari