15 Maggio 2021

8.4. IL CAPITALISMO È PIÙ DEMOCRATICO?

«Gli apologeti del capitalismo sostengono che, qualunque siano gli altri difetti, il capitalismo è più “democratico”. Sciocchezze. Se con la parola “democrazia” si intende il potere delle persone che lavorano, allora l'Unione Sovietica aveva caratteristiche democratiche che superavano ogni società capitalistica. Lo Stato sovietico aveva una maggiore percentuale di lavoratori coinvolti nel Partito e nel governo di quanto capitava ai partiti e governi dei paesi capitalisti. Il grado di uguaglianza di reddito, il grado di istruzione gratuita, sanità e altri servizi sociali, le garanzie di occupazione, l'età di pensionamento, la mancanza di inflazione, i sussidi per la casa, il cibo e gli altri bisogni essenziali e così via, hanno reso evidente che si trattava di una società che funzionava in base agli interessi di classe dei lavoratori.
Gli sforzi epici per costruire l'industria e l'agricoltura socialiste e per difendere il paese durante la seconda guerra mondiale non sarebbero stati possibili senza una attiva partecipazione popolare. Trentacinque milioni di persone sono state coinvolte nei soviet (consigli). I sindacati sovietici avevano poteri che travalicavano quelli abituali, come gli obiettivi della produzione, i licenziamenti e le loro scuole e centri vacanze che pochi (se esistono) sindacati dei paesi capitalistici potevano pretendere. A meno che non ci sia un'enorme pressione dal basso, gli Stati capitalisti non mettono mai in discussione la proprietà aziendale. I sostenitori della superiorità della democrazia occidentale ignorano lo sfruttamento di classe, si concentrano sul processo e non sulla sostanza e danno merito al capitale per la democrazia capitalista, non ai suoi veri difensori e promotori, la moderna classe operaia. Confrontano i risultati della democrazia capitalista al suo passato, ma in modo asimmetrico, confrontano i risultati della democrazia socialista con un ideale immaginato. Rapporti simili potrebbero essere fatti rispetto ad altri paesi socialisti. Cuba, Cina, Corea del Nord, Vietnam, Laos. Condizioni nazionali specifiche (isolamento, blocco, partizione, invasione) hanno colpito ciascuno di loro, rallentando o distorcendone lo sviluppo. In ogni paese, l'equilibrio tra settore pianificato e non pianificato è stato diverso nelle differenti fasi di sviluppo».87
87. Ibidem.