01 Novembre 2020

6.5. RITRATTO DI ROBERT CONQUEST

Diamo ora spazio ad un brano di Grover Furr9 che smonta completamente la scientificità dei lavori di Robert Conquest, uno degli storici antistalinisti più famosi e rinomati della storiografia borghese:
«Robert Conquest, probabilmente il maggior propagandista anti-stalinista del XX secolo insieme a Lev Trockij, è morto lo scorso 3 agosto 2015. Naturalmente, i media capitalisti sono ossequiosi e adulatori nei suoi confronti. Molto si potrebbe dire di Conquest. Ecco intanto alcuni fatti - verificati - riguardanti il suo libro più famoso, The Great Terror (Il Grande Terrore). Robert Conquest risulta aver lavorato per l'Information Research Department (IRD), da quando venne istituito fino al 1956. L'IRD, fondato nel 1947 (originariamente chiamato Communist Information Bureau), era un dipartimento [del Foreign Office britannico] il cui compito principale consisteva nel combattere l'influenza comunista in tutto il mondo, diffondendo storie tra politici, giornalisti e altri in grado di influenzare l'opinione pubblica. Nel 1978, The Guardian affermò che il lavoro di Conquest doveva contribuire a redigere la cosiddetta “storia nera” dell'Unione Sovietica, in altre parole, storie false fatte circolare come fatti veri e consegnate a giornalisti ed altri in grado di influenzare l'opinione pubblica. Dopo aver formalmente lasciato l'IRD, Conquest continuò a scrivere libri suggeriti da questo dipartimento, con il supporto del Secret Intelligence Service (SIS). Il suo libro The Great Terror, testo anti-comunista basilare sul tema della lotta per il potere che ebbe luogo in Unione Sovietica nel 1937, era in realtà una ricompilazione dei testi scritti quando lavorava per i servizi segreti. Il libro fu ultimato e pubblicato con l'aiuto dell'IRD. Un terzo delle copie stampate fu acquistata dalla Praeger Press, casa editrice normalmente associata alla pubblicazione di letteratura proveniente da fonti CIA. Il libro di Conquest era destinato ad essere presentato agli “utili idioti”, come i professori universitari e chi lavora nella stampa, in radio e televisione. Per gli storici anti-comunisti, Conquest rimane ad oggi una delle più importanti fonti di materiale sull'Unione Sovietica. L'articolo del Guardian del 1978 a cui ci riferiamo, David Leigh, Death of the department that never was (La morte del dipartimento che non c'è mai stata) The Guardian, 27/01/1978, p. 13., documenta l'attività di propaganda dell'IRD. Nella sua dissertazione per il dottorato di ricerca (ma non nel libro che lui stesso ha scritto) Archibald Getty sottolineava: “La tendenza dominante [nello scrivere la storia delle “purghe”] è stata di credere meccanicamente a qualsiasi affermazione provenisse da un fuoriuscito, negando automaticamente ogni verità al lato stalinista. Se si volesse un ritratto equilibrato dello Zar Ivan IV, (“Il terribile”), non si accetterebbero per oro colato le descrizioni del principe Kurbskij, esiliato in Polonia, fornite in un periodo di guerra russo-polacca. Se si volesse un quadro equilibrato del regime di Mao Tse-Tung in Cina, non si accetterebbe come sostanzialmente affidabile la versione di Chiang Kai-Shek data nei primi anni 1950. L'apparente mostruosità dei crimini di Stalin e la generazione di atteggiamenti da Guerra Fredda hanno contribuito a produrre delle analisi che sarebbero state considerate superficiali in qualsiasi altra area di indagine”.
Getty faceva anche notare che Conquest, specializzato in propaganda anticomunista, era mascherato da beneficiario di borsa di studio pur lavorando per i servizi segreti britannici.
Riguardo alla 'borsa di studio', si può parlare di qualcosa di più che semplice disattenzione. Recenti indagini sull'attività dell'intelligence britannica (sulla scia degli rivelazioni USA post-Watergate), suggeriscono che Robert Conquest, autore del molto influente Grande Terrore, accettò di essere pagato dai servizi segreti britannici per falsificare deliberatamente le informazioni sull'Unione Sovietica. Di conseguenza, le opere di un tale individuo difficilmente possono essere considerate validi lavori accademici dai suoi pari della comunità accademica occidentale”.
Getty afferma inoltre: “Conquest (Terror, 754)... fa la stupefacente dichiarazione che 'La verità può filtrare solo sotto la forma del sentito dire'. E, inoltre, che 'fondamentalmente, sulle questioni politiche, la fonte migliore, anche se non infallibile, è il pettegolezzo...'. Egli ritiene che il modo migliore per verificare le voci sia di confrontarle con altre voci - un procedimento di dubbia validità dato che i fuoriusciti usano leggere i rispettivi lavori. Naturalmente, in qualsiasi altro campo degli studi storici, dicerie e voci non vengono accettate come prove”.
Già nel 1979 Getty aveva concluso che “il punto di vista qui adottato è che le interpretazioni standard sulle 'Grandi purghe', come quelle di Fainsod e Conquest, siano gravemente difettose, non possano spiegare le prove disponibili, e non siano quindi più sostenibili”.
Nel 1980 intervistai il professor John Hazard della Columbia University, al tempo esperto mondiale di diritto sovietico. Hazard mi disse che gente del campo di studi sovietici gli aveva riferito che l'intelligence britannica stava ancora utilizzando il lavoro di Conquest. Una buona risposta alla disonestà di Conquest è l'articolo di Robert W. Thurston, On Desk-bound Parochialism, Commonsense Perspective, and Lousy Evidence: A Reply to Robert Conquest (Sul campalinismo da poltrona, una visione qualunquista e delle prove disgustose: una risposta a Robert Conquest). Non sono a conoscenza di nessun altro studioso ufficiale nel campo della storia sovietica che abbia mai osato attaccare frontalmente Conquest sulla stampa, in un giornale mainstream. Conquest rispose a tono cestinando il libro di Thurston sulla storia dell'Unione Sovietica degli anni Trenta, quando fu pubblicato dalla Yale University Press nel 1996. Il libro di Thurston era, fino a quel momento, di gran lunga il miglior libro su quel periodo ed è ancora il migliore, perché rifiuta l'istintiva linea anti-comunista e anti-stalinista, e si attacca alle prove, con pochissimi passi falsi. Thurston pubblicò inoltre un eccellente articolo che mostra la disonestà del termine “Grande Terrore” sottolineando come pochissime persone fossero in realtà “terrorizzate”. Questo articolo suscitò una reazione ostile, ma una risposta molto debole da parte di Conquest, a cui Thurston replicò con l'articolo sulle “prove disgustose” citato sopra. Dopo che il libro di Conquest sulla carestia in Ucraina, Harvest of Sorrow (Raccolto di dolore) fu pubblicato negli anni Ottanta, gli esperti anticomunisti nel campo della storia sovietica lo respinsero universalmente. Potete leggere alcune loro citazioni in questo articolo di Jeff Coplon, In Search of a Soviet Holocaust. A 55-year-old Famine Feeds the Right (Alla ricerca di un olocausto sovietico. Una carestia vecchia 55 anni che nutre la destra), Village Voice, 12/01/1988. Naturalmente non ci fu nessuna “carestia intenzionale”. Al contrario, la collettivizzazione pose fine alle carestie in Russia/Ucraina. In seguito, Conquest ritrattò la sua idea che Stalin avesse deliberatamente provocato la carestia. Si potrebbe dire che tale ritrattazione accorcia la distanza esistente tra la nostra visione su Stalin e carestia e quella di Robert Conquest, quello stesso Conquest che presto sarebbe stato considerato il campione della tesi secondo la quale Stalin aveva intenzionalmente provocato la carestia e agito in maniera genocida. Nel 2003, il dottor Conquest ci scrisse spiegando di non nutrire l'idea che “Stalin ha volutamente inflitto la carestia del 1933. No. Quello che sostengo è che in conseguenza dell'imminente carestia, egli avrebbe potuto impedirla, ma seguì un 'interesse sovietico' diverso da quello di nutrire per prima cosa gli affamati - così consapevolmente la favorì”.»
Riguardo al libro di Conquest, Il Grande Terrore, lo storico Groven Furr ha aggiunto:
«Come universitario degli anni 1965-69 mi opponevo alla guerra statunitense in Vietnam. Ad un certo punto qualcuno mi disse che i comunisti vietnamiti non potevano essere i “buoni”, perché erano tutti “stalinisti”, e che “Stalin aveva ucciso milioni di persone innocenti”. Mi ricordai di questa osservazione. Essa fu probabilmente il motivo per cui nei primi anni Settanta lessi la prima edizione del libro di Robert Conquest Il Grande Terrore quando fu pubblicata. Fui molto scosso da quello che avevo letto! Vorrei aggiungere che potevo leggere il russo in quanto studiavo letteratura russa sin dalle scuole superiori. Così, studiai il libro di Conquest con molta attenzione. Pare che nessun altro lo avesse mai fatto! Scoprii che Conquest era scorretto nell'uso delle fonti. Le note non sostenevano le sue conclusioni contro Stalin! In sostanza, aveva usato qualsiasi fonte risultasse ostile a Stalin, a prescindere che fosse affidabile o meno. Conquest, con l'aiuto dei servizi segreti britannici, prese le menzogne sul periodo di Stalin escogitate sotto Chruščev e da lui stesso, ne aggiunse altre provenienti da fonti anti-comuniste occidentali, come Alexander Orlov e Walter Krivitsky, e le ha presentate come “la storia”. Il Grande Terrore di Conquest ha una grande quantità di note, che hanno lo scopo di ingannare il lettore colto ma ingenuo. Ma quelle stesse note mi hanno reso possibile scoprire che Conquest si era avvalso di prove false, senza aver mai dimostrato nessuna delle sue affermazioni anti-comuniste e contro Stalin. Venticinque anni dopo, quando Gorbačev accolse le menzogne anti-comuniste e contro Stalin di Chruščev, e le ripeté aggiungendone altre di suo, Conquest pubblicò una nuova edizione del Grande Terrore e disse a tutti “avevo ragione”. Ma non aveva “ragione”. Gorbačev stava semplicemente raccontando lo stesso tipo di menzogne, e spesso esattamente le stesse, sul periodo staliniano che Chruščev e i suoi avevano riportato. Conquest ha ricevuto moltissimi riconoscimenti dagli imperialisti uccisori di massa, da Margaret Thatcher a Ronald Reagan, George W. Bush, e non solo. Ha guadagnato la loro lode. Ha anche ottenuto un incarico comodo e ben pagato presso la Hoover Institution. Tali sono le ricompense per raccontare bugie per conto degli anticomunisti. Dobbiamo renderci conto che nessuno così onorato dai principali assassini di massa della storia del mondo potrà mai dire la verità. Quelli di noi che vogliono lottare per un mondo migliore, per un mondo comunista, hanno bisogno di imparare dai successi, così come dagli errori dell'Unione Sovietica dell'era di Stalin e del movimento comunista mondiale del XX secolo, così che si possa imitare ciò che è stato fatto bene, evitando gli errori. Quindi, cerchiamo di aumentare il nostro impegno in questo senso».
9. G. Furr, Robert Conquest, un anti-necrologio, Mltoday.com-CCDP, 22 settembre 2015 [1° edizione originale 11 agosto 2015].