26 Settembre 2020

4.3. LE DONNE LAVORATRICI

«Durante gli anni Ottanta, la percentuale di donne che lavoravano era più alta in Unione Sovietica che in qualunque altro paese al mondo: più del 90% delle donne in età da lavoro aveva un'occupazione o si dedicava allo studio». (Wendy Goldman)25
«Con la rivoluzione fu promossa l'idea che l'ingresso delle donne nel mercato del lavoro è un elemento chiave per la loro emancipazione. In URSS il numero delle donne lavoratrici è aumentato nel corso degli anni. Nel 1975, le donne erano il 51% dei lavoratori, tre volte e mezzo in più rispetto al 1940. La specificità del lavoro delle donne fu protetto, prevedendo un'età di pensionamento anticipato rispetto agli uomini (55 per le donne, 60 per gli uomini), e anche la riforma di alcuni settori (50 per le donne del settore industria, 45 a radiologia, ospedalieri e alcune professioni del teatro). Prima della Rivoluzione d'Ottobre, il tasso di analfabetismo femminile era l’83%. Il salto fu enorme: nel 1986, le donne erano il 59% delle persone con istruzione superiore e secondaria specializzata, circa il 50% degli ingegneri industriali e del settore agricolo, il 30% dei giudici, tre medici su quattro».26
25. W. Goldman, Le donne nella società sovietica, all'interno di A.V., Il secolo dei comunismi, Net, Milano 2004, p. 203.
26. M. Botelho, A Revolução de Outubro e os direitos das mulheres, cit.