13 Aprile 2024

F. COMPENDIO DEL CAPITALE DI MARX

«Il capitale ha un unico impulso vitale, quello di valorizzarsi, di generare plusvalore, di assorbire con la sua parte costante, coi mezzi di produzione, la più grande massa di plusvalore che sia possibile. Il capitale è lavoro morto che resuscita, come un vampiro, solo succhiando lavoro vivo, e tanto più vive quanto più ne succhia». (Karl Marx, da Il Capitale)
Il Capitale, il capolavoro di Karl Marx, è un’approfondita analisi della struttura economica nella società borghese. Si tratta di un’opera rivoluzionaria: la “scoperta” del plusvalore fornisce finalmente una spiegazione scientifica dello sfruttamento dei lavoratori nel modo di produzione capitalistico. Lo studio di Marx evidenzia, inoltre, le contraddizioni intrinseche del modo di produzione capitalistico che, secondo la concezione materialistica della Storia, è destinato ad essere superato. Per un giovane che intende avvicinarsi per la prima volta allo studio delle idee di Marx, la lettura integrale dell’opera (lunga circa 1500 pagine in totale) può risultare un’impresa difficile ed onerosa. Per questo motivo è stata realizzata la presente dispensa in cui sono brevemente riassunti, nella maniera il più possibile chiara ed elementare, i principali temi trattati da Marx ne Il Capitale, presentando i diversi concetti economici e dedicando un capitolo in appendice all’origine del capitalismo.
Questo breve compendio del Capitale vuole inserirsi in un più ampio percorso di formazione per i giovani comunisti. La lettura della dispensa rappresenta, chiaramente, soltanto un’introduzione ai temi trattati e si consiglia quindi di integrarla ad altre letture che possano aiutare ad inquadrare meglio il pensiero di Marx.

cookie