27 Ottobre 2021

9.03. MEGLIO HITLER DI “ROSENFELD”

«Cosa pensavano i nervosi detentori di questi marchi di fabbrica della personalità e del regime del Führer? I leader delle imprese Americane subivano per questo qualche turbamento? All’apparenza non molto, se non proprio affatto. Ad esempio, l’odio razziale profuso da Hitler non offendeva eccessivamente la loro sensibilità. Dopo tutto, il razzismo contro i non-Bianchi rimaneva sistemico in tutti gli Stati Uniti e l’anti-semitismo era comune nella classe imprenditoriale. Nei club esclusivi e negli hotels di gran classe patrocinati dai capitani di industria, gli Ebrei vi erano raramente ammessi; e molti alti dirigenti delle imprese Americane si dichiaravano apertamente anti-Semiti. Agli inizi degli anni Venti, Henry Ford fece pubblicare un libro virulentemente anti-Semita, L’Internazionale Giudea, che veniva tradotto in molte lingue; Hitler ne lesse la versione Tedesca e in seguito ammise che il testo gli aveva fornito ispirazione ed incoraggiamento. Un altro magnate Americano, notoriamente anti-Semita, era Irénée Du Pont, anche se la famiglia Du Pont aveva avuto antenati Ebrei. L’anti-semitismo del sistema imprenditoriale Americano assomigliava fortemente a quello di Hitler, il cui punto di vista sull’Ebraismo era interconnesso intimamente con il suo giudizio sul Marxismo, come Arno J. Mayer ha argomentato in modo convincente nel suo libro Why Did the Heavens not Darken – Perché il Cielo non si è oscurato?
[…] Negli anni Trenta, con le stesse modalità, l’anti-semitismo del sistema imprenditoriale Americano si manifestava come l’altra faccia della medaglia dell’anti-socialismo, anti-Marxismo, e del disprezzo dei rossi. Molti uomini d’affari Americani condannavano pubblicamente il New Deal di Roosevelt come un’interferenza “socialistica” in economia. Gli anti-Semiti del sistema imprenditoriale Americano consideravano Roosevelt come un cripto-Comunista ed un agente degli interessi degli Ebrei, se non addirittura di essere lui stesso un “Giudeo”; di routine si faceva riferimento a lui come “Rosenfeld”, e il suo New Deal veniva storpiato con “Jew (Giudeo) Deal”. Nel suo libro The Flivver King, Upton Sinclair ha descritto l’anti-Semita dichiarato Henry Ford come sognante un movimento fascista Americano, che “si impegnava nel paese ad abbattere i Rossi e a preservare gli interessi padronali; ad estromettere il Bolscevico [Roosevelt] dalla Casa Bianca e tutti i suoi professori progressisti dalle cariche di governo… [e] a considerare un illecito penale degno della fucilazione il parlare di comunismo o la proclamazione di uno sciopero”. Anche altri magnati Americani desideravano ardentemente un salvatore fascista che potesse sbarazzare l’America dai “Rossi” e quindi ridonarle prosperità e redditività. Du Pont forniva generosi contributi finanziari per sostenere le organizzazioni fasciste presenti negli Stati Uniti, come la famigerata “Black Legion – la Legione Nera”, ed era anche coinvolto nei piani di un colpo di stato fascista a Washington».8
8. Ibidem.

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari