18 Ottobre 2021

9.04. PERCHÉ PREOCCUPARSI PER LA GUERRA INCOMBENTE?

«Era del tutto ovvio che Hitler, riarmando la Germania fino ai denti, prima o dopo avrebbe scatenato un grave conflitto. Potessero avere avuto i capitani di industria Americani qualche timore a riguardo, presto le loro apprensioni venivano fugate, visto che negli anni Trenta gli esperti di diplomazia internazionale e di economia, senza eccezioni, si aspettavano che Hitler avrebbe risparmiato i paesi occidentali, e avrebbe attaccato e distrutto l’Unione Sovietica, come promesso nel Mein Kampf. Ad incoraggiarlo e a sostenerlo in questa impresa, che egli considerava la grande missione della sua vita, veniva il segreto obiettivo dell’infame politica di acquiescenza perseguita da Londra e Parigi, e tacitamente approvata da Washington. I leader del sistema imprenditoriale in tutti i paesi occidentali, più nettamente negli USA, detestavano l’Unione Sovietica, poiché questo stato era la culla dell’“antisistema” comunista in contrapposizione all’ordine capitalista internazionale e una fonte di ispirazione per gli stessi “rossi” Americani. Inoltre, trovavano particolarmente offensivo che la patria del comunismo non fosse caduta preda della Grande Depressione, ma sperimentasse una rivoluzione industriale, che in seguito è stata favorevolmente paragonata dallo storico Americano John H. Backer al tanto decantato “miracolo economico” della Germania Ovest dopo la seconda guerra mondiale. La politica di pacificazione e di acquiescenza era un progetto ambiguo, i cui reali obiettivi dovevano essere celati all’opinione pubblica della Gran Bretagna e della Francia. In modo spettacolare si ottenne un effetto contrario, dato che i contorcimenti di questa politica alla fine resero Hitler diffidente verso le effettive intenzioni di Londra e Parigi, e lo indussero a sottoscrivere un accordo con Stalin, e lo portarono a scatenare la guerra della Germania contro la Francia e la Gran Bretagna, piuttosto che contro l’Unione Sovietica.
Tuttavia, il sogno di una crociata Tedesca contro l’Unione Sovietica comunista nell’interesse dell’Occidente capitalistico non rinunciò a morire. Londra e Parigi scatenarono semplicemente una “Guerra Fasulla” contro la Germania, sperando che Hitler alla fine si sarebbe rivolto contro l’Unione Sovietica. Questa era anche l’idea che informava le missioni quasi-ufficiali a Londra e a Berlino intraprese da James D. Mooney della GM, che cercava insistentemente — come aveva fatto l’ambasciatore USA a Londra, Joseph Kennedy, padre di John F. Kennedy — di convincere i dirigenti della Germania e della Gran Bretagna ad appianare i loro inopportuni conflitti, in modo che Hitler potesse dedicare la sua completa attenzione al suo grande “Progetto Orientale”. In un incontro con Hitler nel marzo 1940, Mooney lanciava un appello di pace per l’Europa Occidentale, dichiarando che “gli Americani erano comprensivi del punto di vista Tedesco rispetto alla questione dello spazio vitale” — in altre parole, che loro non avevano nulla in contrario rispetto alle pretese territoriali Tedesche nei riguardi dell’Est Europeo. Queste iniziative Americane, comunque, non avrebbero prodotto i risultati sperati. Senza ombra di dubbio, i proprietari e i manager delle corporation Statunitensi con filiali in Germania si rammaricarono che la guerra scatenata da Hitler nel 1939 fosse una guerra contro l’Occidente, ma in ultima analisi questo rammarico si palesava non più che tanto. Quello che era di sicura importanza consisteva in questo: aiutare Hitler a preparare la guerra significava fare buoni affari e la guerra stessa apriva, ancor di più, prospettive inimmaginabili di fare affari e realizzare profitti».
9. Ibidem.

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari