27 Gennaio 2021

3.8. IL SOSTEGNO ALLE LOTTE OPERAIE NEI PAESI OCCIDENTALI

«Compagni! I tentativi dell'imperialismo di volgere la ruota della storia a suo favore sono condannati a fallire e noi non abbiamo alcun dubbio in proposito. Però noi, comunisti, sappiamo perfettamente che non vi è motivo per nutrire soverchio ottimismo e per rimanere passivi. Ai combattenti contro il giogo capitalistico si contrappone l'ultimo sistema di sfruttamento, ma esso è anche il più potente fra tutti quelli finora esistiti. Perciò ci attende ancora una lotta lunga e difficile. Ma per quanto difficile possa essere questa lotta, essa continua a svilupparsi, il suo fronte si estende continuamente. Negli ultimi anni i combattenti contro l'imperialismo hanno scritto nuove pagine gloriose negli annali delle battaglie di classe. Oggi come ieri il movimento operaio internazionale si presenta come la provata avanguardia combattiva delle forze rivoluzionarie. Gli avvenimenti dell'ultimo quinquennio nel mondo capitalistico hanno confermato in pieno il ruolo della classe operaia come l'avversario principale, come l'avversario più forte del potere dei monopoli, come il centro di attrazione di tutte le forze antimonopolistiche. In paesi come la Francia e l'Italia, dove le tradizioni della lotta di classe sono più sviluppate e dove operano forti partiti comunisti, si è assistito alle lotte dei lavoratori con alla testa la classe operaia non solo contro i singoli gruppi di capitalisti, ma anche contro tutto il sistema del dominio monopolistico di Stato. In Inghilterra la lotta di classe ha raggiunto un alto grado di tensione; per la loro entità e per il numero dei partecipanti gli attuali scioperi possono essere paragonati solo allo sciopero generale del 1926. Negli USA hanno acquistato vaste proporzioni le battaglie della classe operaia contro i monopoli, si sviluppa con asprezza senza precedenti la lotta del popolo negro per l'uguaglianza e della gioventù contro la guerra nel Vietnam. Sta acquistando forza il movimento operaio di massa nella RFT. Per la prima volta dopo molti decenni si hanno vasti scontri di classe nei paesi scandinavi e in Olanda. Continua ad aggravarsi la crisi sociale e politica in Spagna. In tutte le battaglie di classe dell'ultimo periodo una funzione notevole e crescente è esercitata dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e particolarmente da quelle che sono raggruppate nella Federazione sindacale mondiale».35
35. Ibidem.